giovedì 9 gennaio 2014

VEGAN PULL-APART BREAD ALLA CANNELLA con tutorial



Tutto è nato quando navigando su internet trovai per caso una foto. La fissai per parecchio tempo, piegando la testa di qua e di là, ipnotizzata come se avessi la sindrome di Stendhal contemplavo quei colori e quella forma che piano piano mi stavano rapendo.



Avevo appena visto per la prima volta un PULL-APART BREAD.


Una volta ripresa, la missione era capire cosa-come-quando.

Cosa era?
Bisognava cercarne una versione vegan?
Quando lo avrei fatto?


Navigando in rete, pagina dopo pagina, fotografia dopo fotografia mi era sempre più chiaro che il pull-apart bread sarebbe stata la mia missione! Non sapevo ancora se ci sarei riuscita, quanto sarebbe stato difficile, ma sapevo che ci avrei provato.

A pane sfornato, mangiato e finito posso dirvelo: E’ DAVVERO FACILE FARLO.

Sicuramente vi proporrò altre versioni, perché il suo bello è la versatilità, il poterlo insaporire a piacere con i propri gusti, ma una cosa è certa: resterò sul dolce, che è il mio debole ;) ... ma questo già lo sapevate.


Il link tra tanti che ho preso come punto di riferimento è stato QUESTO, perché mi sembrava il più semplice, e visto l’ottimo risultato ottenuto manterrò questa ricetta dell’impasto per fare i prossimi.

Ho apportato delle piccole modifiche come per esempio il lievito fresco, diminuito lo zucchero della farcitura perché era sufficiente, saltato un passaggio di lievitazione.


Tutto ciò che vi serve è:
- una forma da plum cake,
- della carta forno
- la margarina autoprodotta (perché quella in commercio, come anche il burro di soia, contengono olio di palma, nel link potete trovare il mio post nel quale spiego perché non lo considero “vegan”)
- 3 ore di tempo per la lievitazione


INGREDIENTI PER UN PULL-APART BREAD
ALLA CANNELLA
Per l’impasto:
* 45 gr di acqua calda del rubinetto
* 15 gr di zucchero di canna
* un cubetto di lievito di birra fresco
* 60 gr di margarina autoprodotta
* 110 gr di latte di soia al naturale
* 45 gr di zucchero di canna
* 4 gr di estratto di vaniglia
* 2 gr di sale
* circa 400 gr di farina 0 + altra per stendere l’impasto

Per la farcitura alla cannella:
* 40 gr di zucchero di canna
* 5 gr di cannella in polvere
* 25 gr di margarina autoprodotta

      

PREPARAZIONE.
Versate l’acqua calda in un bicchiere, sciogliere lo zucchero e poi mescolando fate sciogliere il cubetto di lievito fresco rotto a pezzetti. Lasciatelo riposare per qualche minuto mentre andate avanti con la preparazione.
Come vi scrissi nella ricetta del panettone la margarina autoprodotta non si scioglie sul fuoco. Quindi frullare la margarina con il latte di soia, lo zucchero, la vaniglia e il sale.
Aggiungere il lievito sciolto nell’acqua e mescolare.
In una bacinella capiente pesate 300 gr di farina, aggiungete pian piano gli ingredienti liquidi che avete appena preparato continuate a mescolare con un cucchiaio. Dovrete ottenere un composto morbido ma non liquido come l’impasto di una torta, quindi continuate ad aggiungere pian piano farina fino ad ottenere una consistenza un po’ bagnata e appiccicosa ma quasi lavorabile a mano, quasi eh non asciutto come quello del pane.
Lasciatelo nella ciotola, copritelo con un panno umido e ponetelo in forno chiuso con solo la luce accesa, oppure accendete per 15 minuti il forno a 50°C e dopo averlo spento mettete dentro la ciotola dell’impasto al caldo.
Lasciatelo lievitare per almeno 2 ore, se riuscite 3 meglio ma non essenziale.
Finito il tempo di lievitazione infarinate il piano di lavoro.
Rivestite lo stampo da plum cake con carta forno.
Accendete il forno a 180°C.
Con le mani, sempre infarinate, lavorare l’impasto. Quando sarà facilmente maneggiabile.
Trasferitelo sul piano di lavoro e con il mattarello stendetelo come un rettangolo di circa 30x40 cm.
Spennellate sulla superficie la margarina della farcitura.
Spolverate di cannella e poi di zucchero.
Tagliate delle strisce in orizzontale (come da foto tutorial), sovrapponetele e tagliatele ancora accorciandole.
Disponetele velocemente in verticale nello stampo.
Non dovere essere precisi perchè ogni imperfezione lievitando si trasformerà in una bellissima fetta a forma di “onda”.
Infornate per circa 25-30 minuti stando ben attenti che la superficie non si bruci.
Io per gli ultimi 10 minuti l’ho cotto nel ripiano più basso del forno.

Una volta pronto, lasciatelo raffreddare completamente e GUSTATELO “DEMOLENDO”


Pull-apart significa appunto “demolire”. La cosa particolare di questo pane è che non serve tagliarlo perchè la farcitura rende “staccabile” le singole fette.

La bontà resta immutata anche il giorno dopo.

PROVARE PER CREDERE ^_^

49 commenti:

  1. Risposte
    1. Previdente ho posizionato proprio qua un materassino, quindi fai SBOING ;))))

      Elimina
  2. Ci provo prima possibile! La ricetta per la margarina autoprodotta è qui sul blog? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enza ^_^
      La margarina che faccio io è quella del libro di Erbaviola:
      http://www.erbaviola.com/2013/09/20/formaggi-veg-latte-yogurt-e-formaggi-vegetali-fatti-in-casa.htm
      In rete ne trovi varie tra cui quella della Camy:
      http://www.unavnelpiatto.it/ricette/margarina-vegetale-fatta-in-casa.php

      Elimina
    2. grazie mille! comunque è davvero bellissima questa ricetta, da provare...magari con gocce di cioccolato!

      Elimina
  3. Una fisarmonica di bontà con la vera Miss di tutta la cucina... la cannella! :-)

    RispondiElimina
  4. OH mamma!!!! Da pauraaaaaa! Grande Cesca!

    RispondiElimina
  5. Ma che scherzi?! sai che hai appena lanciato un piccolo segnale ad un neurone libero che adesso, impazzito, corre con le gambe a forma di ruota come in 'esplorando il corpo umano' dicendo 'anche ioooo, anche ioooo, anche IOOOOOO!!!'

    RispondiElimina
  6. Ma che figata!!! Poi io adoro la cannella.
    Bellissimo complimenti.
    Ciao Silvia

    RispondiElimina
  7. ma è bellissimo!!!!!e poi sto nome fa molto rock!me lo vedo con davanti un bel bicchierone di ualsiasi cosa fortemente alcolica (perdono, sono ancora in fase post feste).la forma è spettacolare.c'è un piccolo, ma significativo passaggio di tutta la ricetta, che mi fa pensare che non sia proprio facile da realizzare e cioè il "disponetele velocemente in verticale nello stampo".non so, mi inquieta.mi vedo lì con le mie fettine che impoldono su lore stesse.quando c'è da fare qualcosa che sò che devo andare veloce, è la volta che entro in panico e mi va tutto storto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XD ti capisco anche io avrei la stessa paura leggendo ma ti garantisco che ho avuto modo di sistemare tutti i tasselli (del puzzle) in verticale, fotografarli, prendere la forma e metterla in forno, senza che il risultato venisse compromesso :D Tanto con la bomba di lievito inside sti cosetti diventano il triplo una volta in forno °_° ti stupiranno!

      Elimina
    2. stefania sanna28 novembre, 2015

      forse mettendo la teglia in verticale viene più facile... ...

      Elimina
  8. Ma è fighissimo!!!! Complimenti!

    RispondiElimina
  9. E' davvero fantastico da vedere, ma chissà che bontà! io sono cannella dipendente! ;-)
    prendo subito nota! devo provarlo! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì sì devi proprio poi fammi sapere eh ;)

      Elimina
  10. Ma è bellissimo o_O *_* @_@
    Grazie x il tutorial che terrò a vista x la prossima creazione e poi la tua versione naturale mi ispira da matti!!!! Buona buona buona!
    la zia consu

    RispondiElimina
  11. Alla faccia della pigrona, Cesca! Ma chi volevi prendere in giro? Ci fai credere di essere allergica a certe preparazioni e poi ci salti fuori con queste perle e ci shokkkki tutti?! :D
    Strepitoso questo bread, penso di averne sicuramente anch'io una versione trascritta nell'agenda perchè anche se non era propriamente diventato la mia missione aveva colpito parecchio anche me ;)
    se tu dici che è facile, io ci credo, eh!
    baci Cesquik :*

    RispondiElimina
  12. Allora ci avevo preso su FB che questa meraviglia era un dolce...ma che avesse per protagonista la mia passione, la cannella....questo non lo immaginavo! Se niente niente mi incuriosiva adesso rifarlo al più presto è diventata una delle mie priorità :D Complimentissimi cara Cesca, mi salvo la ricetta e non vedo l'ora di provarla :P
    Grazie mille per la condivisione di questa bontà, un bacione :*

    RispondiElimina
  13. Oddio Cesca che belle idee hai sempre! Sabato devo assolutamente provare a farlo...per fortuna l' hai postato di giovedì così sarà meno lunga l' attesa! Grazie ancora!

    RispondiElimina
  14. Ufficialmente nella mia To do list ;)
    Grazie per la ricetta :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  15. Geniale, adoro la cannella, questo pane "demolito" mi piace da matti.

    RispondiElimina
  16. Hai ragione!!!! è bellissimo e molto molto invitante.... Adoroooo la cannella ;-) anch'io ho fatto una versione simile, ma con le fettine rotonde, la mia brioche in cassetta!!!! e il risultato oltre ad essere bello è davvero buono....

    RispondiElimina
  17. Fantastico! Stupendo da vedere, quasi se ne sente il profumo di cannella che si diffonde..... Credo proprio che ti ruberò la ricetta e proverò a farlo.... Mi è subito venuto in mente un ripieno che mi ha passato una mia amica polaccache lei usa nei suoi dolci tipici: semi di papavero, zucchero, cannella e arancia candita!
    Ciao!

    RispondiElimina
  18. Sei un vulcano della creazione!
    Se continui su questa onda va a finire che inizio a stampare santini qb e a far nascere una nuova religione :D

    RispondiElimina
  19. Deve essere buonissimo, anzi di più!!!!

    RispondiElimina
  20. Non conoscevo questo modo di assemblare il pane... lo voglio provare al più presto! mi prende tantissimo anche la farcitura alla cannella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere come va l'esperimento!!!!

      Elimina
  21. oddio ma che figata!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! troppo affascinante, sembra un pancarré sfracellato dal 158esimo piano e tremendamente godurioso!!

    RispondiElimina
  22. WOW! Divertentissima questa preparazione! Voglio farla quanto prima ;-)
    Grazie per avermela fatta conoscere.
    Buon WE
    AngelaS

    RispondiElimina
  23. eh ci credo che rimani ferma ad ammirare...sembra una scultura..è bellissimo....
    e io sono felice di trovare il tempo di stare qui nel tuo blog....si sta sempre bene!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Fatto ieri...finito subito...svenuti tutti...meraviglioso!!
    io ho usato il latte di mandorle.
    Cosa mi dici di latte di mandorle e olio arachidi,perché vedo che non li usi spesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono strafelice Daniela, grazie!!!
      E' vero non li uso ma solo per non-abitudine :)

      Elimina
  25. Adoro la canella!Devo fare questo pane meraviglioso!Sembra buonissimo!
    Bacioni!

    RispondiElimina
  26. Sono rimasta affascinata anch'io la prima volta che l'ho visto, ma lo conoscevo in versione salata mentre tu mi mostri questa goduriosa versione dolce :) , devo dire che è proprio scenografico ed interessante ^_^
    Non sembra poi nemmeno troppo laborioso, ma poi anche se fosse visto l'esito finale... Si può fare :)

    RispondiElimina
  27. I pull-apart bread han sempre ispirato anche me, sia dolci che salati! Il tuo è venuto meraviglioso... E chissá che bontá!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  28. E' da svenimento! Ti sei proprio superata, mia cara! :)

    RispondiElimina
  29. Nuooooooooooooooooo!!!! lo DEVO provare! è fantastico <3 <3 <3

    RispondiElimina
  30. Oi....

    Mas è muito lindo....
    E deve ser uma delìcia....
    Adorei... :)
    beijinhos

    RispondiElimina